IL “CENTRO MAIURI” A ERCOLANO

Il "Centro Amedeo Maiuri" a Ercolano ha avuto una grande funzione culturale per oltre venti anni.  Era il
1958 quando due studenti, Antonio Ingenito e Augusto Maiello, vennero in Soprintendenza per proporre
che si istituissero "campi di lavoro" di scavo e piccolo restauro per ragazzi stranieri in una delle località
archeologiche della Campania. Il problema, per Ingenito e Maiello che avevano creato il "Centro Europa"
inviando all’estero centinaia di studenti italiani, era di favorire uno scambio di studenti. All’estero i ragazzi
italiani erano adibiti per lo più a lavori agricoli, come la raccolta di patate. Qui si poteva creare qualcosa di
diverso e di più prestigioso, nel favoloso campo dell’archeologia.
Il soprintendente Maiuri disse che avrebbe acconsentito solo se fossi stato io a occuparmi dell’iniziativa.
Quindi si preferì Ercolano, dove in quel periodo mi stavo occupando della congiunzione della principale
strada della città antica – il decumano massimo – col cardo terzo, scavo che risaliva all’epoca borbonica e
risorgimentale. Per far ciò si stava abbattendo un quartiere fatiscente della soprastante città moderna che
allora si chiamava Resìna, con la sistemazione altrove di ottanta famiglie. Cosa non facile, che si realizzò…
I ragazzi stranieri all’inizio furono ospitati in una scuola elementare. Poi l’Ente per il Turismo di Napoli volle
comprare la splendida Villa Ravone, non lontana dagli scavi, che fu trasformata in una sorta di "college".
I corsi erano in inglese, per studenti che provenivano da ogni parte del mondo. Allo studio si alternava il
lavoro negli scavi. Personalmente li accompagnavo a Pompei, Paestum, Cuma, Baia, Pozzuoli e in tutti i
musei archeologici della Campania. Fino al 1980, quando il terremoto danneggiò la villa, sono stati ospitati quasi
quasi novantamila studenti!

Informazioni su italulyxes

Sono un archeologo italiano che ha fatto importanti scoperte soprattutto a Ercolano, con l'aiuto della National Geographic Society. Se n'è trattato nei principali "media" del mondo. Ho guidato Mostre di Pompei in molti paesi europei e negli Stati Uniti.
Questa voce è stata pubblicata in Organizzazioni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a IL “CENTRO MAIURI” A ERCOLANO

  1. Serena ha detto:

    Salve Giuseppe…
    Certo, non hai saputo rispondere alla mia domanda, circa l\’esatta quantità di stelle che impolverano il cielo, ma leggendo i tuoi interventi ho appreso che sai tante, tantissime altre cose… Sarei molto felice di esserti amica, come ha già detto Bruno sono disponibile a qualsiasi tipo di aiuto, per quanto riguarda lo Space, perchè a giudicare dal bagaglio di esperienze che hanno caratterizzato la tua vita, avresti molte, molte più cose da insegnarmi tu…
     
    Questo è il mi indirizzo e-mail, se ti va di aggiungerlo su msn ne sarei felice…     TinkerBell_90@hotmail.it
     
    Un saluto, a presto…
     
    Serena…

  2. Angelo ha detto:

    Che succede?? Si batte la fiacca qui?? Quasi 2 settimane senza un articolo nuovo!! – Silvio fa questi effetti?? -Ho letto il tuo libro!! Bellissimo e gradevolissimo!!! Spettacolare il capitolo su Quasimodo! :DA prestooooooooooooo

  3. GIUSEPPE ha detto:

    Beh Angelo, se mi hai conosciuto un pò sai che agisco "per intervalla insaniae"!  E poi, certo, il Berlusca ha la sua parte. Stasera mi sono rinfrancato con un fantastico ANNO ZERO. Chissà che con la tua bravura non ti riesca di "ripescarlo". E magari di regalarmelo in DVD!
    Mi fa piacere che ti sia piaciuto il mio libro. Non ero certo che lo avresti letto…
    Un forte abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...